In questo video (in inglese), il Dr. Keith Black spiega come la curcumina di Longvida, la formula di Optim Curcuma, attraversa la barriera emato-encefalica e della retina e come si unisce perfettamente alla placca beta amiloide, estrictamente legata all’origine del morbo di Alzheimer. La curcumina è anche un fluorocromo e genera in modo naturale segnali fosforescenti, per cui una volta legato alla placca beta amiloide, i segnali fluorescenti della curcumina sono catturati nella retina attraverso un  dispositivo di immagini che permette di misurare il livello di placche beta amiloidi.