Il morbo di Alzheimer è una malattia cronica neurodegenerativa che di solito inizia lentamente, peggiora nel tempo e si manifesta in genere dopo i 65 anni. Il processo patologico è associato a stress ossidativo, neuroinfiammazione, e danni ai tessuti nervosi. Il morbo di Alzheimer è caratterizzato da due tipi di lesioni del tessuto nervoso: l’accumulo di placche senili (o depositi di beta-amiloidi, Aβ) e la formazione di ammassi di proteine tau (p-tau) nel cervello. Il componente principale delle placche Aβ è il peptide beta-amiloide, che contiene 42 aminoacidi (Aβ42). È stato dimostrato che tale peptide sia causa di morte neuronale.

Il dottor Maiti e il dottor Dubar della Central Michigan University (USA) hanno recentemente pubblicato i risultati di uno studio in vitro che dimostra gli effetti neuroprotettivi della curcumina libera Longvida.

L’obiettivo di questo studio in vitro era quello di confrontare gli effetti neuroprotettivi di una alimentazione con curcumina non formulata (estratto di curcumina a 80%) e/o curcumina libera Longvida dopo aver esposto delle cellule di neuroblastoma di topo al peptide A?42 per 24 ore.

Longvida ha sortito effetti migliori rispetto alla curcumina non formulata in tutti i parametri studiati. Longvida ha mostrato una maggiore permeabilità celulare rispetto alla curcumina non formulata. Tale fenomeno è spiegato dal fatto che la membrana lipidica di Longvida contiene sia lecitina che acido stearico (Particelle lipidiche solide di curcumina).

La curcumina libera Longvida ha diminuito la produzione di specie reattive all’ossigeno (ROS), la produzione di proteine p-tau e ha migliorato le possibilità di sopravvivenza delle cellule prevenendo la morte apoptotica.

SLCP Longvida

La formula di Longvida di Optim Curcuma è stata sviluppata da un gruppo di medici e scienziati dell‘Università della California – Los Angeles ( UCLA) per risolvere il problema dello scarso assorbimento della curcumina nell’organismo.

Dopo oltre 10 anni di ricerca, la chiave dell’efficacia di Longvida, la formula di Optim Curcuma, è stata trovata nel processo brevettato SLCP (Particella lipidica-solida di curcumina). Durante tale processo, la polvere di curcumina viene accuratamente ricoperta di lecitina naturale e acido stearico per formare piccole particelle che aumentano la capacità di assorbimento della curcumina “libera”, cioè la sua forma attiva, nell’organismo, consentendo ad essa di resistere alla digestione e penetrare nel flusso sanguigno, nei tessuti interessati, e attraversare la barriera ematoencefalica.

Fonti:

Begum AN, Jones MR, Lim GP, Morihara T, Kim P, Heath DD, Rock CL, Pruitt MA, Yang F, Hudspeth B, Hu S, Faull KF, Teter B, Cole GM, Frautschy SA. Curcumin structure-function, bioavailability, and efficacy in models of neuroinflammation and Alzheimer’s disease. J Pharmacol Exp Ther. 2008 Jul;326(1):196-208.
Gota VS, Maru GB, Soni TG, Gandhi TR, Kochar N, Agarwal MG. Safety and pharmacokinetics of a solid lipid curcumin particle formulation in osteosarcoma patients and healthy volunteers. J Agric Food Chem. 2010 Feb 24;58(4):2095-9.
Maiti P, Dunbar GL. Comparative Neuroprotective Effects of Dietary Curcumin and Solid Lipid Curcumin Particles in Cultured Mouse Neuroblastoma Cells after Exposure to Aβ42. Int J Alzheimers Dis. 2017;2017:4164872.