Aggiungendo pepe nero alla curcuma, è davvero utile per aumentare l’assorbimento della curcumina? Quali sono gli effetti collaterali del pepe nero? Come scegliere un integratore di curcuma?

 

Curcuma e curcumina

Le proprietà antinfiammatorie e antiossidante della curcumina, il principio attivo della curcuma, sono ampiamente documentate in studi in vitro. Questi studi hanno dimostrato che la curcumina è molto efficace nel ridurre l’infiammazione, il dolore e nell’alleviare i dolori articolari.

Tuttavia, la curcumina viene scarsamente assorbita dal tratto digestivo in parte a causa della sua poca solubilità in acqua.

 

QUAL È IL MODO MIGLIORE PER PRENDERE LA CURCUMINA O LA CURCUMA?

È importante scegliere una formula di curcuma che aumenti la biodisponibilità della curcumina.

Non importa quanta curcumina si prende, l’importante è quanto viene assorbita nel sangue, negli organi e nei tessuti.

Per ottenere un buon assorbimento, la formula di curcumina deve :

– aumentare l’assorbimento della curcumina nel flusso sanguigno

– ridurre la conversione della curcumina in metaboliti a bassa attività. Questo significa mantenere la curcumina nella sua forma attiva e libera.

– utilizzare ingredienti naturali e non deve aumentare la permeabilità intestinale

 

Vediamo ora perché prendere la curcumina sola o con pepe nero non funziona neanche con dosi di parecchi grammi al giorno.

 

LA POLVERE DI CURCUMINA DA SOLA VIENE ASSORBITA DEBOLMENTE NEL CORPO

Uno studio realizzato nelle università del Michigan e di San Diego (Lao 2006) dimostra che la polvere di curcumina standardizzata al 95% (quasi pura) non viene assimilata nel sangue per dosi fino a 8 grammi al giorno (l’equivalente di decine di grammi di curcuma in polvere). Dei 24 partecipanti allo studio, solo due persone che avevano assunto 10 e 12 grammi al giorno hanno visto aumentare la loro qualità di curcumina nel sangue anche se a livelli sufficienti per ottenere vantaggi significativi.

 

PEPE NERO E CURCUMINA IN POLVERE

L’aggiunta di pepe nero (piperina) non aumenta l’assorbimento di curcumina “libera”, cioè la forma di curcumina biologicamente attiva e benefica

Nel 1998, lo studio condotto dal Dr. Shobba ha dimostrato che l’assunzione di 2 grammi di curcumina con 20 mg di piperina estratta dal pepe nero aumentava di 20 volte l’assorbimento di curcumina nel siero del sangue degli 8 volontari.

Pochi anni dopo, nel 2006, un altro gruppo di ricercatori guidato dal dottor Anand, misurava l’assorbimento di curcumina nel plasma sanguigno e dimostrava così che l’aggiunta di 5 mg di piperina insieme a 2g di curcumina raddoppiava l’assimilazione della curcumina nel plasma. Questi autori precisarono però di aver misurato la curcumina totale nel plasma, cioè nella sua forma attiva che però veniva subito eliminata dal corpo.

Tuttavia, uno studio pubblicato nel 2012 da un gruppo di ricercatori della Boston University (Volak 2012) mostra chiaramente che la quantità di curcumina libera, cioè attiva, non viene rilevata nel sangue assumendo 3g di curcumina pura con o senza piperina (24mg). L’aggiunta quindi di pepe non aumenta l’assorbimento della curcumina attiva nell’organismo. Gli autori hanno concluso il loro articolo sottolineando la necessità di esplorare nuove formule a base di curcumina per superare questo problema.

 

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI DELLA PIPERINA O DEL PEPE NERO?

La piperina è un inibitore dei glucuronati epatici e intestinali (Singh, 1986). Può, quindi, aumentare la biodisponibilità di alcuni farmaci riducendone la graduale eliminazione, e crea una concentrazione più pronunciata (Cmax) nel sangue (Patil, 2011; Srinivasan, 2007).

Inoltre, la piperina presente nel pepe nero danneggia la parete intestinale e aumenta la permeabilità intestinale (Feng, 2014). Pertanto, non può essere raccomandata per le persone che soffrono di disturbi intestinali.

 

COME SCEGLIERE UN BUON INTEGRATORE DI CURCUMA

Sul mercato esistono diverse formulazioni di integratori a base di curcumina.

Le formule a base di pepe nero o polisorbato 80 non sono raccomandate a causa del loro effetto sulla permeabilità intestinale. L’integrità della barriera intestinale gioca un ruolo importante, soprattutto nelle infiammazioni. (Salvo-Romero, 2015).

Anche le formule a base di ingredienti non naturali sono sconsigliate.

È importante assicurarsi che l’integratore di curcumina raggiunga livelli di curcumina libera nella sua forma attiva a basso dosaggio (cioè poche capsule). La formula deve inoltre essere sottoposta a studi clinici che confermino i benefici dichiarati.

Questa è la ragione per la quale ci sono voluti più di 10 anni di ricerca per lo sviluppo della formula Longvida efficace di Optim Curcuma che permette di aumentare fino a 65 volte l’assimilazione della curcumina attiva nel corpo.

Optim Curcuma FR Box 1200x627

Oltre 10 anni di ricerca per sviluppare la formula d’Optim Curcuma!

Un nuovo studio scientifico conferma le proprietà antinfiammatorie della curcumina del complesso d’Optim Curcuma.

 

Bibliografia:

Anand P, Kunnumakkara AB, Newman RA, Aggarwal BB. Bioavailability of curcumin: problems and promises. Mol Pharm. 2007 Nov-Dec;4(6):807-18.

Anand P, Kunnumakkara AB, Newman RA, Aggarwal BB. Bioavailability of curcumin: problems and promises. Mol Pharm. 2007 Nov-Dec;4(6):807-18.

Feng X, Liu Y, Wang X, Di X. Effects of piperine on the intestinal permeability and pharmacokinetics of linarin in rats. Molecules. 2014 Apr 30;19(5):5624-33.

Jurenka JS. Anti-inflammatory properties of curcumin, a major constituent of Curcuma longa: a review of preclinical and clinical research. Altern Med Rev. 2009 Jun;14(2):141-53.

Lao CD, Ruffin MT 4th, Normolle D, Heath DD, Murray SI, Bailey JM, Boggs ME, Crowell J, Rock CL, Brenner DE. Dose escalation of a curcuminoid formulation. BMC Complement Altern Med. 2006 Mar 17;6:10.

Patil VM, Das S, Balasubramanian K. Quantum Chemical and Docking Insights into Bioavailability Enhancement of Curcumin by Piperine in Pepper. J Phys Chem A. 2016 May 26;120(20):3643-53.

Salvo-Romero et al. Función barrera intestinal y su implicación en enfermedades digestivas. Rev Esp Enferm Dig. 2015 Vol. 107, Nº 11, 686-696.

Singh J, Dubey RK, Atal CK. Piperine-mediated inhibition of glucuronidation activity in isolated epithelial cells of the guinea-pig small intestine: evidence that piperine lowers the endogeneous UDP-glucuronic acid content. J Pharmacol Exp Ther. 1986 Feb;236(2):488-93.

Shoba G, Joy D, Joseph T, Majeed M, Rajendran R, Srinivas PS. Influence of piperine on the pharmacokinetics of curcumin in animals and human volunteers. Planta Med. 1998 May;64(4):353-6.

Srinivasan K. Black pepper and its pungent principle-piperine: a review of diverse physiological effects. Crit Rev Food Sci Nutr. 2007;47(8):735-48.

Volak LP, Hanley MJ, Masse G, Hazarika S, Harmatz JS, Badmaev V, Majeed M, Greenblatt DJ, Court MH. Effect of a herbal extract containing curcumin and piperine on midazolam, flurbiprofen and paracetamol (acetaminophen) pharmacokinetics in healthy volunteers. Br J Clin Pharmacol. 2013 Feb;75(2):450-62.